Il Paese fantasma, Col di Favilla

Il Paese fantasma, Col di Favilla

Lassù, nascosto sulle Alpi Apuane , preservato dal bosco di castagni, isolato dal resto del mondo in continuo mutamento, tenacemente sospeso in un tempo perduto, riposa paziente il paesino di Col di Favilla.

Tre case e una chiesa ormai sconsacrata è tutto ciò che resta di un paese che un tempo, fino al secondo dopoguerra, brulicava di persone operose dedite alla pastorizia, alla produzione del carbone e all’estrazione del tannino dalle castagne.

L’ultimo parroco del paese, Don Cosimo Silicani, era noto per essere molto ospitale con gli alpinisti di passaggio, fu artigiano e storico della piccola comunità e nel 1910 fece costruire la meridiana sulla chiesa di S.Anna, la più alta di tutta la Toscana.

Dopo i disdicevoli atti vandalici compiuti nel tempo la chiesa fu restaurata nel 1979 e nel 1983 vi fu affissa una stele che ricorda con una preghiera il buon parroco.

Camminare in questo luogo e sbirciare all’interno delle abitazioni procura sentimenti contrastanti che oscillano tra meraviglia e malinconia: un esperienza unica e indimenticabile.

Non lontano da Col di Favilla, sulle rive di un piccolo lago, circondato dal bosco di castagni e dalle alte montagne, c’è un paese fatto di casette di pietra e tetti di ardesia; poggiato sulle antiche rovine di un ospizio medievale, il piccolissimo paese di Isola Santa, un tempo abbandonato, è stato recentemente ristrutturato e trasformato in albergo diffuso.

E’ un piccolo angolo di Paradiso immerso nella natura, una finestra sul tempo che catapulta il visitatore in un epoca passata ma tenendolo ancorato al presente.

Nessun commento

Rispondi