La Doganaccia

La Doganaccia

Situata sull’omonimo poggio , sul versante sinistro dell’alta valle del torrente Lima , la Doganaccia si trova subito sotto il Passo della Croce Arcana che nel Medioevo veniva utilizzato per valicare l’Appennino tosco-emiliano; la stessa croce che da il nome al passo venne qui posta intorno al 1000 d.C per aiutare i numerosi viandanti ad orientarsi in caso di mal tempo e scarsa visibilità.

La zona è caratterizzata da brughiere d’alta montagna,vaccinieti,conifere e rocce sporgenti e regala un panorama veramente stupendo che va da tutta la valle della Lima alle alte cime dell’Appennino;durante le giornate più limpide è possibile scorgere persino le Alpi Apuane e le Alpi.

Di notevole interesse storico è la presenza dei Cavalieri Templari nella zona che,proprio sulla strada conducente al passo,costruirono una magione in difesa dei pellegrini.

Salendo ancora è possibile raggiungere il Monte Spigolino che con i suoi 1827 mt slm è una delle cime più alte del crinale e prende il nome proprio dalla sua  forma caratteristica slanciata e piramidale.

Scendendo lungo i numerosi sentieri si incontra una tra le mete più belle e famose del luogo: il caratteristico lago Scaffaiolo .

A differenza degli altri laghi dell’Appennino tosco-emiliano non è di origine glaciale,sembra sia alimentato dalle acque piovane e dallo scioglimento della neve;il nome stesso deriverebbe dal termine Longobardo “scaffa” che significa “buca,avvallamento”.

Numerose sono le leggende che lo riguardano una delle quali viene addirittura citata dal Boccaccio:secondo tale diceria popolare se qualcuno vi  getta una pietra si crea immediatamente una terribile tempesta che distrugge tutto ciò che circonda il lago.

Sulle sue rive sorge il Rifugio Duca degli Abruzzi,inaugurato nel lontano 1878,il più antico dell’Appennino tosco-emiliano;a causa del clima rigido e della guerra è stato riedificato numerose volte l’ultima delle quali nel 2001.

Qui è possibile rilassarsi e godere,oltre che del panorama,delle prelibatezze gastronomiche tipiche di queste zone.

Trovarsi in questi luoghi da la sensazione di vivere in una palla di vetro in cui tutto è perfetto e magico,un punto fermo nel tempo estraneo al mondo esterno.

Nessun commento

Rispondi