Il Grande Caucaso

Trekking in Georgia

Viaggio trekking in Georgia

 

La Georgia è una nazione posta sulla linea di demarcazione tra Europa e Asia, all’ estremità orientale del mar Nero, sulle pendici meridionali della cresta principale dei monti del Caucaso. Confina a nord e nord-est con la Russia, a est e sud-est con l’Azerbaigian, a sud con l’Armenia e la Turchia e a ovest con il mar Nero: non c’è da stupirsi se è definita “crocevia di culture”.

Il trekking in Georgia è un’avventura incomparabile che vi porterà nel cuore profondo delle montagne del Caucaso fra i 2.000 e i 3.500 metri, al confine con il Daghestan e la Cecenia, nelle regioni di Tusheti e Khevsureti.

La Georgia è un luogo estremamente particolare, decisamente unico, un luogo in cui natura incontaminata, storia e mito si fondono perfettamente creando un atmosfera quasi surreale.

Forse il miglior modo per presentarla è raccontando una leggenda locale che spiega le sue origini: Dio, appena finito di creare il mondo, radunò tutti i popoli per distribuire le terre…gli unici a non presentarsi furono gli antenati dei georgiani perché occupati a festeggiare il creato con banchetti e brindisi. Dio, recatosi a chiedere spiegazioni fu coinvolto nei festeggiamenti e lodato fino all’alba…in conclusione…Il Signore fu talmente entusiasta di questa gioia che decise di donare loro la terra più bella di tutte che originariamente aveva deciso di tenere per se: l’attuale Georgia.

 

La catena montuosa del Caucaso

 

Il Tusheti è una delle zone più affascinanti dell’intero paese, situata a nord-est, confina con il Dagestan e la Cecenia. Qui le indiscusse protagoniste sono le montagne, infatti le altitudini sono comprese tra i 1650 e i 4493 metri con gole ripidissime che danno vita a panorami spettacolari. I Tushi sono pastori per tradizione, particolarmente rinomati per il loro formaggio e la lana di altissima qualità: non c’è da stupirsi che i greci fossero convinti che il mitico vello d’oro fosse custodito proprio in queste zone.

Il Khevsureti si trova a nord, anch’ esso al confine con la Cecenia; con meno di 3.000 abitanti, è probabilmente la regione più inaccessibile e misteriosa della Georgia. Le sue origini si perdono nel tempo: il famoso storico greco Erodoto si sofferma sulle loro abili capacità di tessitori e ricamatori e descrive minuziosamente le caratteristiche del loro tipico abito, il chokha, e le loro usanze. Arnold Zisserman, importante etnografo russo, riteneva che che i khevsuri fossero discendenti diretti degli ultimi cavalieri crociati europei in quanto ne avevano mantenuto la cultura folcloristica e svariate usanze religiose.

 

5 MOTIVI PER FARE UN TREKKING IN GEORGIA

 

1-Il Caucaso:una catena montuosa imponente, incontaminata, dalla bellezza struggente.

2-Tblisi:la capitale, il luogo in cui troverete tutta la storia della Georgia, una città fatta di contrasti destabilizzanti tra antico e contemporaneo.

3-La popolazione: persone ospitali, goliardiche e con tante storie da raccontare e cantare…si, cantare! Perché una caratteristica fondamentale di questo popolo è proprio il canto;un canto polifonico, di origine antichissima, addirittura precristiana.

4-Il buon cibo: Khachapuri, khinkhali, le zuppe, le salse…tutto qui ha un sapore fantastico!

5-Il Vino!Perchè non tutti sanno che il vino è nato proprio qui più di 8000 anni fa. La tradizione vinicola è avvolta da un’ aura di mistero, come ogni cosa in Georgia, legata addirittura agli albori della religione cristiana.

 

CLIMA e COME VESTIRSI PER UN TREKKING IN GEORGIA

 

La sua posizione particolare rende il clima diverso a seconda che ci si trovi nella parte orientale o occidentale: troveremo una situazione subtropicale ed umida nella prima parte ed una secca nella seconda. Le regioni sud orientali, man mano che ci si allontana dal mare, sono quelle più aride del paese e la maggior parte delle precipitazioni si concentra a fine primavera.

Per il nostro trekking l’abbigliamento da portare in valigia sarà quello classico da montagna: scarponcini, pantaloni tecnici, t-shirt, pile e o wind stopper, un piumino, una giacca impermeabile con cappuccio e calzini tecnici per esempio in lana merino. Nel trekking non dovranno mancare cappello, guanti e pantavento impermeabile. 

Per le giornate trascorse nelle città basterà un abbigliamento comodo di vostro gradimento.

 

MANGIARE E DORMIRE NEL TREKKING IN GEORGIA 

 

Durante il nostro viaggio alloggeremo in piccoli Hotel e guesthouse e durante i giorni di trekking in campi tendati. Avremo la possibilità di assaggiare i piatti tipici della cucina georgiana recandoci nei caratteristici locali delle città e, durante le tappe di montagna, le nostre guide locali ci prepareranno delle gustosissime cene.

PROGRAMMA BROCHURE VIAGGIO CON TREKKILANDIA

Iscrizione

Attendi mentre la ricevuta viene generata...