Avventure

Maldavventura / Avventure
  •  

    Islanda in Invernale

    Islanda in Invernale…in bici

    A volte è il paradiso di ghiaccio a volte è l’inferno di ghiaccio.

    Tutto può cambiare in un attimo e farti piombare in un incubo dentro il quale non puoi fare altro che pedalre per rimanere lucido. Il vento a volte soffiafa

  •  

    Marocco in Mtb viaggio ai confini della realtà

    L’esplorazione della catena dell’Alto Atlante e la magia del Jbel Saghro sui pedali, un’avventura tra vette alte oltre 4.000 metri, paesaggi lunari, altopiani desolati e sperduti villaggi berberi nel cuore del Marocco più selvaggio.

    14 Novembre 2017, aeroporto di Pisa, sto aspettando il volo che di lì a poco mi porterà in Marocco.

  •  

    Bikepacking del MonteBianco in solitaria

    Dunque in parole semplici, il  viaggio in bici più duro della mia vita.
    Questo l’antefatto: dopo aver attraversato in bici Patagonia, kenya e Tanzania e fatto trekking sperduto nella catena dell’Alto Atlante in Marocco, era arrivato il monento di pensare ad un viaggio che mi costirngesse a confrontarmi con le mie paure, con le mie debolezze e che infine se portato a termine mi facesse sentire di aver avuto un accrescimento interiore. Gli obbiettivi sono sia di natura materiale che spirituale, tutti rivolti allo scopo di capire di che pasta sono fatto e di dimostare che con l’impegno e la dedizione chiunque può raggiungere traguardi inimmaginabili. Una delle prime prove che mi sono imposto di superare è l’abitudine alla totale solitudine in situazioni di forte sterss mentale e stanchezza fisica aggiungendo il fatto di dover essere totalemente indipendente. Questo significa ninete rifugi per dormire ma solo la mia tenda e pasti cucinati da me con l’ausilio di attrezzature da camp.  Il “teatro” dove andrà in scena questa prova è il Monte Bianco e precisamente il famoso e impervio Tour du Mont Blanc affronatato in bikepacking.
  •  

    Kenya e Tanzania Bikepacking nella terra dei Masai

    Dopo essere tornato dall’estenuante quanto meraviglioso viaggio in Patagonia, ho deciso di rimettermi subito in gioco. Questa volta se possibille ancora più intesamenete, non tanto fisicamenrte quanto umananmente e mentalmente. Infatti il mio obbiettivo era partire da Nairobi, capitale caotica del Kenya, e spingermi con la mia bicicletta caricata in stile bikepacking, attraverso le terre selvaggie dei masai, passando in alcune scuole povere a portare qualche misero aiuto come pasta, riso, pane, qualche penna, quaderni e poco altro. Il viaggio prevedeva un safari al parco simbolo del kenya per vedere i famosi Big 5: Elefante, Bufalo, Leone, Leopardo, rinnoceronte. Così dopo tante peripezie giunsi al famoso Masai Mara in bici,

  •  

    Bikepacking – Overland Patagonia

    Tre amici: un guida, un fotografo e un avvocato; in comune? 500km in 4×4, 1500km in bici e 60km di trekking sulle strade e i sentieri della Patagonia argentina e cilena. Tutto nacque in un pomeriggio di Marzo quando con un post di FB resi pubblica la decisione di avventurarmi in Patagonia in bici. Subito il mio amico di vecchia data Jody mi fece notare gentilmente di andare a quel paese, con un tono di sana invidia, non rendendosi conto che per realizzare questo sogno, averi dovuto preparami per mesi oltre che fisicamente anche logisticamente. Il giorno seguente mi recai nel suo studio e davanti ad un immancabile caffè gli dissi: invece di chiacchierare perché non vieni con me? I suoi occhi cambiarono luce, la sua espressione era un misto di incredulità, paura e follia, in un attimo gli avevo dato la possibilità di avere un obbiettivo per il quale lottare. Avevo già capito: non sarei partito solo. Ma le sorprese non erano finite,

  •  

    Da Marrakech al deserto del Sahara in Mtb

    Quando rientri da un viaggio il sapore è quasi sempre agrodolce, il desiderio di tornare nel tuo letto sotto il tetto della tua casetta si contrappone con la nostalgia di dover lasciare il luogo, che per la durata del viaggio ha rappresentato la tua casa, dissetando la tua voglia di avventura. La voglia di andare più a fondo di perderti in qualche altro sentiero di fare la conoscenza di qualche altra persona del posto subisce una impennata nel momento nel quale realizzi che quella sarà la tua ultima pedalata per quel viaggio. E’ come se improvvisamente riapparisse una porta spazio temporale dalla quale sei arrivato e dalla quale devi riuscire per tornare nel mondo reale, casa tua. Ecco alla fine della mia avventura in Mtb in Marocco