Leggende dal Mondo – La spiaggia dell’Innamorata all’Isola D’Elba

Leggende dal Mondo – La spiaggia dell’Innamorata all’Isola D’Elba

L’amore è il potere più forte che ci sia al mondo, capace di smuovere mari e monti, capace di cambiare la vita di qualcuno in un istante soltanto e di restare per sempre una fiamma vibrante impossibile da spegnere. Non tutte le storie d’amore riescono ad avere una forza così intensa, ma ce ne sono alcune che sono destinate a vivere per sempre, intramontabili, capaci di rimanere ancorate a questo mondo anche quando coloro che le hanno vissute sono ormai scomparsi da tempo. Non sono fantasmi, sono emozioni, vibrazioni, che si attaccano per sempre ai luoghi che quelle storia d’amore ha solcato. Questo è il caso della spiaggia dell’Innamorata, nome più che azzeccato per un luogo che ha fatto da palcoscenico ad un sentimento immenso.

Siamo nel Cinquecento e Lorenzo e Maria sono due giovani innamorati come ce ne sono molti al mondo, trepidanti di emozioni appena nate e sempre nuove, desiderosi di trascorrere ogni istante della vita insieme e pronti infatti a convolare a nozze. La loro non è una storia d’amore semplice, il padre di Lorenzo infatti non vede di buon occhio questa unione visto che la bella Maria non ha un soldo. Ma a Lorenzo dei soldi non importa niente, lui vuole solo poter vivere con la sua amata. Ed ecco allora che i due scelgono una bellissima spiaggia vicino a Capoliveri per i loro incontri segreti, qui possono stare tranquilli, lontano dagli occhi indiscreti del mondo, e vivere ogni emozione che il loro amore deciderà di regalargli.
Il 14 luglio 1534 Lorenzo aspetta Maria sulla spiaggia. Lei sta percorrendo il sentiero che dall’alto porta a questa piccola caletta sabbiosa così suggestiva quando si accorge che stanno arrivando i pirati del Barbarossa. C’è un’accesa colluttazione, ma alla fine Lorenzo soccombe. Lui è uno soltanto e i pirati invece sono molti, riescono a farlo prigioniero. Maria scende in spiaggia e quello che i suoi occhi vedono è insopportabile per il suo cuore. I pirati hanno appena gettato in mare il corpo ormai agonizzante del suo amato. Senza neanche pensarci Maria si tuffa in mare, ma i flutti sono troppo agitati quel giorno per permetterle di riuscire a raggiungere il suo amore. Annega, scompare nelle acque profonde. Solo il suo scialle torna a riva e si adagia stanco e malinconico su uno scoglio, chiamato da quel momento in poi “ciarpa”.
Una storia d’amore intensa e ricca di passione, una storia d’amore al contempo triste, tragica, e forse proprio per questo motivo ancora più commovente. Riviverla è semplice, vi basterà andare sulla Spiaggia dell’Innamorata ed osservare il mare in silenzio, la limpidezza delle sue acque, gli isolotti Gemini che placidi sembrano vegliare su questo luogo e su questa storia d’amore intramontabile. E c’è chi ha affermato di aver visto Maria, il suo fantasma, aggirarsi nei dintorni, ancora oggi in cerca del suo amato. Stiamo parlando di Domingo Cardenas, un nobile spagnolo che dopo essere stato diseredato e costretto all’esilio da parte di suo padre decide di fermarsi proprio qui, in questa spiaggia. Domingo giura di aver visto Maria e di aver sentito le sue urla di disperazione. Ecco che decide di accendere mille torce per illuminare la spiaggia e per permettere alle giovane donna di ritrovare il suo promesso sposo. Pensate che Domingo lascia scritto sul suo testamento che questa tradizione dovrà essere tramandata di generazione in generazione dalla sua famiglia. Ancora oggi la sera del 14 luglio la spiaggia si anima di torce e di figuranti in abiti cinquecenteschi, una vera e propria festa in onore dell’amore incondizionato di Lorenzo e Maria.

Nessun commento

Rispondi